Musicoterapia

.

PRESENTAZIONE

La scuola di musica 7note è lieta di presentare la proposta per attivare un progetto di musicoterapia in collaborazione con l’associazione L’ABBRACCIO Onlus.

FINALITÀ

La Musicoterapia si incentra su aree specifiche di bisogni che comprendono la consapevolezza percettiva, la stimolazione fisica e psicologica, le abilità comunicative, l’espressione emotiva, l’abilità cognitiva, il comportamento sociale e lo sviluppo delle risorse e delle capacità individuali. L’intervento si caratterizza come un intervento “centrato sulla persona” per favorire la sua libera espressione, la sua iniziativa, la sua partecipazione attraverso l’utilizzo attivo o recettivo dei suoni, il movimento e l’uso della voce.

DESTINATARI DEL PROGETTO

Bambini e adolescenti con sindrome autistica, disturbi aspecifici del comportamento, disturbi della comunicazione verbale e non verbale, deficit dell’attenzione, disabilità psico-motorie, ADHD. Bambini della scuola primaria e secondaria di primo grado con DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento)

BENEFICI

Il perché di un progetto di Musicoterapia nasce dal concetto che “la Musicoterapia è l’uso della musica e/o gli elementi musicali (suono, ritmo, melodia, armonia)… in un processo volto a facilitare e promuovere la comunicazione, le relazioni, l’apprendimento, la mobilizzazione, l’espressione, l’organizzazione ed altri obiettivi terapeutici rilevanti per affrontare i bisogni fisici, mentali, sociali e cognitivi. La Musicoterapia mira a sviluppare le potenzialità e/o a ripristinare le funzioni dell’individuo in modo tale che questi possa raggiungere una migliore integrazione intrapersonale e interpersonale e, di conseguenza, una migliore qualità della vita…” (definizione di Musicoterapia da parte della World Federation of Music Terapy, 1996).

OBIETTIVI

Gli obiettivi della Musicoterapia sono stabiliti in accordo con la valutazione e in sintonia con le patologie presenti in atto. Tengono conto del processo di sviluppo dei partecipanti, del livello di consapevolezza di sé, degli altri e dell’ambiente.

– Obiettivi generali:

Sperimentare canali comunicativi e relazionali alternativi al linguaggio verbale; favorire il contatto con le proprie emozioni e i propri sentimenti e stimolarne l’esternazione; favorire una maggiore consapevolezza e percezione corporea; potenziare l’abilità senso-motoria; favorire e migliorare l’interazione e l’integrazione all’interno del gruppo.

– Obiettivi specifici:

Questi obiettivi verranno meglio delineati in base alla specificità delle diverse patologie e la soggettività dei singoli individui. Durante lo svolgimento del progetto, verranno volta per volta individuate le migliori strategie di intervento per ciascun ragazzo in modo da sviluppare al meglio le personali attitudini.